hotel a siena

Nei Dintorni

Piazza del Campo, il Palio, le basiliche, l’arte, le tradizioni e la buona cucina sono i gioielli di una città che attende di essere scoperta.

Visita Siena: il personale dell’hotel saprà darti preziosi suggerimenti per vivere e conoscere la città.

Punti di interesse nei dintorni dell’ Hotel Siena Degli Ulivi

Monumenti

  • CHIESA S. AGOSTINO (4.00 km / 2.49 mi)
  • CHIESA SAN DOMENICO (3.50 km / 2.17 mi)
  • DUOMO (4.50 km / 2.80 mi)
  • FONTANA FONTE GAIA (3.80 km / 2.36 mi)
  • PALAZZO SALIMBENI (3.80 km / 2.36 mi)
  • PORTE DELLA CITTA (2.50 km / 1.55 mi)
  • TORRE DEL MANGIA (4.50 km / 2.80 mi)

Musei

  • DELLE CONTRADE (4.00 km / 2.49 mi)
  • DELLE PAPESSE (4.20 km / 2.61 mi)
  • OPERA METROPOLITANA (4.50 km / 2.80 mi)
  • S MARIA DELLA SCALA (4.00 km / 2.49 mi)

Giardini botanici

  • ORTO BOTANICO (4.50 km / 2.80 mi)
  • ORTO DE PECCI (4.50 km / 2.80 mi)

Luoghi e Attrazioni

  • IL PALIO (2.00 km / 1.24 mi)
  • TEATRO DEI ROZZI (2.00 km / 1.24 mi)
  • CLUB IPPICO SENESE (14.00 km / 8.70 mi)
  • KART INTERNAZIONALE (15.00 km / 9.32 mi)
  • TERME LIBERE SENESI
  • CRETE SENESI
  • MONTERIGGIONI

Approfondimenti

TERME LIBERE DI PETRIOLO, SIENA

Sulle sponde del torrente Farma (comune di Monticiano , Siena), ci sono le terme libere di Petriolo. I resti di uno stabilimento termale risalgono al quattrocento ma l’acqua termale di Petriolo era conosciuta ancor prima, ai tempi di Cicerone. Sgorga a 43°, carica di idrogeno solforato.

Le terme libere si trovano inun’insenatura del torrente , protette dalle rocce dall’acqua fresca che scorre a fianco. Sono abbastanza grandi, anche qui, facile trovarle affollate al weekend. Meglio la sera, qualche candela accesa sulel rocce, qualcosa da bere e il relax è assisurato.

CRETE SENESI

Le Crete senesi sono la zona a sud-est della città di Siena, che include i territori comunali di Asciano, Buonconvento, Monteroni d’Arbia, Rapolano Terme, San Giovanni d’Asso e Trequanda, tutti in provincia di Siena.
Il nome deriva dall’argilla, o creta, presente nel terreno, che dà al paesaggio il caratteristico colore grigio-azzurro e un’apparenza spesso descritta come lunare. Questa argilla caratteristica, mista a salgemma e gesso, detta mattaione, rappresenta i sedimenti del mare del Pliocene che copriva l’area tra 2,5 e 4,5 milioni di anni fa.
Il paesaggio è caratterizzato da colline brulle e dolcemente ondulate, querce e cipressi solitari, i poderi isolati in cima alle alture, tratti di bosco negli avvallamenti, ifontoni che raccolgono l’acqua piovana.
Tipiche conformazioni del terreno sono i calanchi, le balze e le biancane. All’interno delle crete senesi è PRESENTE UN BOSCO NATURALISTICO dove vi sono molti scoiattoli e nane.
L’edificio più interessante di quest’area è probabilmente l’ostello di S.Gimignano, fondata per iniziativa di San Bernardo tolomei,nel XIII secolo.
La zona è conosciuta per la produzione del tartufo bianco delle crete ed ospita una sagra ed un museo dedicati al cosiddetto diamante delle Crete.

MONTERIGGIONI

Monteriggioni è il tipico esempio di Borgo Fortificato cioè un piccolo paese di solo 42 abitanti, circondato da una cerchia muraria. All’interno ci sono le abitazioni dei cittadini, due bar, un alimentari, due ristoranti, un souvenir, un erboristeria, un albergo e una rivendita di prodotti tipici.

La Cerchia Muraria è di forma ellittica ed avvolge la sommità di un alto colle chiamato monte Ala che domina sulle pianure e colline circostanti. Il borgo che ha sede all’interno è modeste dimensioni e non ha mai potuto avere un’espansione maggiore a causa delle ridotte dimensioni delle sue mura che misurano perimetralmente solo 570 metri: il diametro maggiore del castello è di 172 metri, lo spessore delle mura è di 2 metri.

PIENZA

È probabilmente il centro più rinomato e di maggiore importanza artistica di tutta la Val d’Orcia. È non molto distante dalla strada statale Cassia e dagli altri due importanti centri della valle, San Quirico d’Orcia e Castiglione d’Orcia. Il centro storico è stato dichiarato dall’UNESCO patrimonio dell’umanità nel 1996.

MONTALCINO
È una località nota per la produzione del vino Brunello. Si colloca nel territorio a nord-ovest del Monte Amiata, alla fine della val d’Orcia, sul confine amministrativo con la provincia di Grosseto.